Categorie
Condividere X Unire Haiti

Haitiani in fuga (in barca) dalla violenza

Durante lo scorso mese di Ottobre, tramite un contributo video, abbiamo potuto vedere l’instabile situazione politica e le gravi condizioni socio-economiche di Haiti. La spirale di violenza acuitasi a seguito dell’assassinio del presidente Jovenel Moïse sta marcando sempre più intensamente la vita della popolazione haitiana, che in massa oggi cerca di lasciare il Paese sconfinando nella vicina Repubblica Dominicana, che occupa la metà orientale dell’isola di Hispaniola, per tentare di raggiungere l’isola di Porto Rico, sotto l’amministrazione statunitense.

Come riportato dall’articolo di AP News qui sotto, sempre più sono i tentativi di fuga via mare tramite traballanti barchini in cui vengono ammassati dai trafficanti del mare, che dalla disperazione traggono guadagno, quante più persone possibile. Si tratta di una scelta: rischiare di rimanere coinvolti in uno scontro tra le gang armate che si contendono il controllo territoriale nel Paese, o rischiare di naufragare tentando di richiedere asilo. Una storia del mar dei Caraibi, ma che sembra la stessa del nostro Mediterraneo.

Apri Chat
Hai bisogno di aiuto?
Buongiorno! 👋🏻
Come possiamo aiutarti?