Categorie
Condividere X Unire

Il mistero del Natale e l’atmosfera del presepe

Anche quest’anno abbiamo fatto il presepe! Sembra scontato ma non è così, perché la preparazione è iniziata con notevole ritardo e temevano di non riuscire a completarlo per tempo: ecco la decisione di ampliare quello dell’anno scorso aggiungendo due nuovi diorami!
Molti ci chiedono come decidiamo le scene da proporre: semplicemente attingendo dai Vangeli e immedesimandoci con i personaggi che vogliamo rappresentare. L’importante è “creare
un’atmosfera”: questo è ciò che ci guida nella cura dei dettagli.

Nella prima scena dell’Annunciazione l’Angelo e Maria creano un ponte tra il cielo e la terra; nel viaggio verso Betlemme Maria incinta fa fatica a tenere il passo di Giuseppe che cerca ansioso un alloggio; nel palazzo di Erode c’è tutta l’ambiguità della situazione vissuta dai Magi che cercano il vero Re; poi, finalmente, la Natività con la tenerezza della sacra Famiglia; la luce che avvolge i pastori increduli e stupiti all’annuncio dell’Angelo; la drammaticità della fuga in Egitto e, per
concludere, la semplicità del Presepe voluto da San Francesco e Santa Chiara per sperimentare di persona il disagio vissuto dalla Famiglia di Nazareth.

Il successo del presepe comunque non si misura con l’apprezzamento che riceviamo, anche se ringraziamo per questo, ma con il coinvolgimento di chi osservandolo riesce a penetrarne il
mistero.

Maurizio, Davide, Fulvio, Giuseppe, Paolo, Antonello